Asp1, sempre più drammatica la situazione: ora manca anche il personale. Appello dei sindacati.

CRONACA / TERAMO Sabato 21 Novembre 2020

Asp1, sempre più drammatica la situazione: ora manca anche il personale. Appello dei sindacati.

La situazione dell'Asp 1 è sempre più drammatica. Lo ribadiscono le sigle sindacali Cisl Teramo, Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Fp Cgil, Fpl Uil, Ugl al margine del terzo incontro con la Prefettura di Teramo, rappresentata dal neo Capo di Gabinetto del Prefetto Dott. Angelo Di Prisco e dalla Dott.sa Fabrizi, alla presenza dell'Assessore regionale Pietro Quaresimale, del Presidente e della direttrice della Asp1, dei rappresentanti delle aziende che erogano i servizi all'interno delle strutture coinvolte (Pap e Cooperative Polis, Filadelfia, Sirena, Consorzio Futura) e delle Organizzazioni sindacali. Durante l'incontro la Regione ha ribadito che sta lavorando all'avviso finalizzato a sbloccare un finanziamento in grado di assicurare alle casse dell'Ente circa 1,5 milioni di euro evidenziando, ancora una volta, che l'erogazione di tale somma è subordinata all'invio della puntuale rendicontazione da parte delle ASP. L'Assessore Quaresimale ha raccolto l'invito delle parti presenti a coinvolgere, sin da subito, anche l'Assessorato alla Sanità per arrivare a definire le questioni legate all'adeguamento delle tariffe e all'accreditamento di nuovi posti.

Il Presidente della Asp1, Cantore, ha invitato la Regione Abruzzo ad accelerare il più possibile nell'individuazione di adeguate soluzioni, confermando le gravi difficoltà economiche che allo stato attuale non consentono all'Ente di avere una liquidità sufficiente per assicurare il pagamento di quanto dovuto alle varie aziende coinvolte.

Come Organizzazioni Sindacali abbiamo per l'ennesima volta, sottolineato la duplice esigenza che ci ha spinti a chiedere l'autorevole intervento della Prefettura di Teramo:

• garantire il pagamento degli stipendi dei lavoratori (presso la Casa Riposo Teramo ormai da mesi si riscontra una situazione di incertezza sulla data di pagamento; a Civitella del Tronto due mesi di stipendi arretrati; a Sant'Omero otto mesi di stipendi arretrati; Nereto ultimo stipendio pagato è agosto; la Pap ha tre mensilità da pagare),

• creare le condizioni per assicurare una prospettiva futura all'ASP considerata la rilevanza sociale che essa riveste per l'intero territorio provinciale.

Purtroppo a tutt'oggi siamo costretti a registrare una situazione di assoluta incertezza rispetto ad entrambe le richieste e per puro senso di responsabilità abbiamo accettato un rinvio ulteriore alla prossima settimana nella speranza che le aziende coinvolte possano garantire, quantomeno, l'intero pagamento degli stipendi correnti. A tal proposito abbiamo già preannunciato che qualora ciò non dovesse accadere saremo costretti, pur nella piena consapevolezza della delicatezza del momento che stiamo vivendo, ad indire lo sciopero delle maestranze coinvolte. Come Organizzazioni sindacali abbiamo evidenziato la straordinarietà della situazione chiedendo all'Ente Regione di affrontare la stessa come una vera e propria emergenza.

Alla luce di quanto appreso sui casi di positività riscontrati nella casa di riposo di Civitella del Tronto che vede coinvolti diversi ospiti e dipendenti, essendo emersa, sin da ora, la difficoltà a reperire il personale, chiediamo ufficialmente agli Organi competenti un immediato coinvolgimento della Protezione Civile a supporto della gestione della struttura.  

 

​​​​​​

Commenta

Oggi su R+News

Mincarelli
Rasicci Studio Odontoiatrico
Radiosanit
Tarquini