Assegni scoperti causa emergenza economica: L'appello di Berardini per tutelare imprenditori, autonomi e prefessionisti

/ NAZIONALE Giovedì 26 Marzo 2020

Assegni scoperti causa emergenza economica: L'appello di Berardini per tutelare imprenditori, autonomi e prefessionisti

In questo periodo di estrema difficoltà si rende necessario rivolgere un appello al Governo per intervenire immediatamente su una situazione che rischia di danneggiare notevolmente tutto il tessuto produttivo italiano.

Parlo del fatto che molti imprenditori, autonomi o professionisti si potrebbero trovare nelle condizioni di aver emesso un assegno che al momento risulta scoperto per mancanza di liquidità.

Nel caso in cui il creditore dovesse riscuotere quell’assegno, ne deriverebbero pesanti conseguenze.

Chi ha emesso un assegno scoperto incorre, appunto, in pesanti sanzioni pecuniarie: viene inserito nella Cai (Centrale allarmi interbancaria) e per un lungo periodo non può emettere altri assegni. Per evitare queste sanzioni e l’iscrizione nella CAI si può pagare l’assegno in ritardo – comunque entro 60 giorni da quando viene contestata dalla banca la scopertura – ma con una penale.

Da tutto ciò deriva il mio appello al Governo affinchè blocchi temporaneamente tutti i protesti o allunghi di 3/6 mesi il termine per poter adempiere senza sanzioni o penali. Tutto ciò potrebbe alleviare, almeno temporaneamente, gli effetti di questa devastante crisi.

Il mondo economico ha bisogno dello Stato immediatamente.


Commenta

Oggi su R+News

Castrucci
Podere Marcanto
Rasicci Studio Odontoiatrico
Radiosanit