Consiglio comunale a Teramo tra vecchie e nuove facce, Italia Viva in campo contro D'Alberto

POLITICA / TERAMO Martedì 11 Febbraio 2020

Consiglio comunale a Teramo tra vecchie e nuove facce, Italia Viva in campo contro D'Alberto

Novità in consiglio comunale dove da oggi si voterà elettronicamente. Ogni consigliere è stato dotato di scheda nominativa da inserire in un apposito apparecchio. E in aula si è parlato subito del caso Foibe: ieri nessuno degli amministratori è stato presente in via Diaz per il ricordo del giorno della memoria (Lancione è uscito al momento del minuto di silenzio fatto in aula). Il Sindaco si è scusato con i presenti ed ha annunciato che a causa della concomitanza con la visita del presidente della Repubblica si è veriificato questo problema che sarà recuperato in altra data. Poi si è passati alla comunicazione del Sindaco per la nomina della nuova Giunta dopo l'azzeramento. A commentare negativamente questa operazione "poco trasparente" Futuro In che vuole sapere come mai a pagare alla fine è stato solo Mistichelli uno dei più votati in queste elezioni.

Il Consiglio comunale ha visto l’ingresso dei nuovi consiglieri in maggioranza: Toni Di Ovidio (Insieme Possiamo), Berardo De Carolis (Bella Teramo), Giovanni Befacchia e Vanessa Melozzi, questi ultimi in quota PD. Flavio Bartolini, Giovanni Luzii e Osvaldo Di Teoodoro si sono seduti nei banchi dell'opposizione mentre seduti sulle sedie del pubblico Cristian Francia (marito della Marroni non confermata in giunta ) e Dodo Di Sabatino anche lui confluito in Italia Viva ad ascoltare i lavori del consiglio. Bartolini ha presentato un documento in aula come Italia Viva accusando la Giunta di aver fatto rivivere il Modello Teramo.

Commenta

Oggi su R+News

Castrucci
Rasicci Studio Odontoiatrico
Podere Marcanto
Radiosanit