Disagio sociale. A Pescara predisposti sette punti di ascolto e due itineranti

PESCARA Giovedì 28 Novembre 2019

Disagio sociale. A Pescara predisposti sette punti di ascolto e due itineranti


 

 

Presentati stamani in Conferenza Stampa dall’Assessore all’Ascolto del disagio Sociale Nicoletta Di Nisio i “Punti di Ascolto” che il Comune di Pescara ha predisposto.

 

Erano presenti Maria Rita Carota, Presidente della Commissione Politiche Sociali; Mauro Diodato e Monica D’Allevo della CARITAS Diocesana che svolgerà il Progetto e Massimiliano Pignoli, capogruppo UDC.

 

La rete territoriale istituita sono “punti di ascolto” del disagio sociale attivati prioritariamente nelle zone della città di Pescara caratterizzate da forte presenza di disagio sociale. La finalità dell’intervento è quella di prevenire e fronteggiare le varie forme di esclusione sociale e di dare certezza della presenza delle Istituzioni pubbliche nelle aree cittadine maggiormente colpite da problematiche socio/economiche.

 

I “Punti di Ascolto” forniranno supporto all’informazione, facilitazione e assistenza per l'accesso ai servizi: cerco/trovo casa, cerco/trovo lavoro, compilazione curriculum vitae, assistenza e consulenza legale, compilazione modulistica, espletamento “pratiche burocratiche”, prenotazione per visite mediche, ascolto e assistenza psicologica, consulenza legale affitti; nonché indirizzo all’accesso ai servizi presenti sul territorio comunale quali Segretariato sociale, Inps, Patronati, ecc.;

 

I Punti di Ascolto saranno in modalità “sportello” presso: - URP del Comune (Piazza Italia);

- San Donato presso ex-circoscrizione 1 (via Rubicone);

- Villa del Fuoco presso ex-circoscrizione 3;

- Colli presso ex-circoscrizione Pescara colli;

- Zanni presso sede associazione Ciferni (via C. A dalla Chiesa);

- Fontanelle presso sede associazione Insieme per Fontanelle (via caduti per servizio);

e 2 mediante “unità di strada”, con camper, nei quartieri

- Villa del Fuoco (cosiddetto “ferro di cavallo”)

- zona Ospedale (borgo case popolari via Rigopiano);


 “Questo progetto - ha dichiarato l’Assessore Nicoletta Di Nisio - è stato reso possibile grazie alla forte volontà del sindaco Carlo Masci che crede nella progettazione sociale decentrata. Si tratta di un’integrazione di quanto già fanno gli operatori e cercheremo di lavorare al meglio in collaborazione con gli operatori della Caritas. Compiti dei Punti di Ascolto è, non solo ascoltare le richieste, ma capire i bisogni e indirizzarli correttamente verso i servizi offerti già attivati dal Comune. Saranno anche luoghi ove, con il personale professionalmente competente: Psicologo, Operatore legale, Operatore d’accoglienza, mediatore sociale si svolgeranno attività di informazione, fomazione, assistenza”.


#NonLasciareIndietroNessuno          #PuntiAscoltoSociale


#AssessoreNicolettaDiNisio         

Commenta

Oggi su R+News

Vaccino Antinfluenzale
Castrucci
Podere Marcanto