La tradizione montoriese dello Stù in un Parco Giochi dedicato alla popolare manifestazione

/ TERAMO Venerdì 20 Dicembre 2019

La tradizione montoriese dello Stù in un Parco Giochi dedicato alla popolare manifestazione


 Si disputa fino al prossimo 5 gennaio il Grande Torneo di Stù, tradizione tutta montoriese che si rinnova da ormai 12 anni con l'organizzazione dell'associazione culturale "Il Colle e il Solleone" in collaborazione con il Comune di Montorio e il Consorzio Bim. Anche quest’anno il popolare gioco di carte tipico del periodo natalizio conquista nuovi siti di qualificazione (ben 38 siti satellite in ambito provinciale ed extra con Pescara e Avezzano) e, oltre all’aspetto ludico e ricreativo, conferma il forte impegno per il sociale. A presentare l’edizione sono intervenuti al Bim l’assessore a Cultura ed Eventi del Comune di Montorio, Lorenzo Valleriani, Angela Di Giammarco e Isabella D’Achille dell’associazione promotrice.

Con i proventi delle giocate dell’edizione 2019 l’associazione, di concerto con l’Amministrazione comunale, avvierà la costruzione del “Parco Giochi dello Stù” mediante l’acquisto di giochi per bambini appositamente realizzati e contribuendo così alla riqualificazione dei giardini “Sandro Pellanera”, da anni luogo di incontro e di svago per la comunità locale. «Per questo – spiega la vicepresidente dell’associazione, Angela Di Giammarco – crediamo che ripristinare i giochi dei giardini e renderli ancora più funzionali possa andare a beneficio di piccoli e grandi frequentatori del parco. Sui nuovi giochi saranno raffigurate le carte da Stù per suggellare ancora di più il connubio tra il tradizionale gioco montoriese e le nuove generazioni, sempre più partecipi alla manifestazione, grazie alla sezione loro dedicata, il torneo under 16».

Si conclude un anno ricco di soddisfazioni per “Il Colle e il Solleone”, che nel 2019 ha partecipato, ospite dell’associazione “Giochi Antichi” di Verona, al seminario “Tocatì. La rete italiana per la salvaguardia dei giochi e sport tradizionali”, attestandosi tra le otto comunità ludiche più attive del Centro Italia. Nello scorso ottobre poi l’associazione montoriese ha aderito al Protocollo di Verona per la salvaguardia dei giochi tradizionali e ha organizzato l’Open Stù Day in piazza Orsini. Pochi giorni fa lo Stù ha fatto tappa anche all’Istituto comprensivo di Montorio con un mini-torneo scolastico. Al vincitore dell’edizione 2019, che si aggiudicherà la finalissima del 5 gennaio al Motel Tittina, andrà il Trofeo “Stù in piazza” oltre a 500 euro di buoni acquisto Conad, mentre al sito di qualificazione il Trofeo dello Stù, creato e scolpito nel legno dalle abili mani dell’artigiano locale Franco Furia. A tutti i finalisti, inoltre, saranno consegnate delle stampe artistiche del maestro Mauro Capitani, che ha donato alla comunità montoriese una mostra permanente con le sue opere raffiguranti le carte dello Stù, esposta nel Chiostro degli Zoccolanti. 

 

Infine lo sport: torna la dodicesima maratona podistica a staffetta, appuntamento fisso della manifestazione, in programma domenica 22 dicembre, dalle ore 9 alle 12.30, dal gemellaggio tra l’Associazione “Il Colle e il Solleone” e il “Gruppo Podistico Montorio”. La maratona si svolgerà nel classico anello del centro storico cittadino e vedrà confrontarsi due squadre di venti podisti ciascuna che indossano pettorine raffiguranti le 20 carte dello Stù.

Commenta

Oggi su R+News

Castrucci
Rasicci Studio Odontoiatrico
Podere Marcanto
campagna covid