Lezioni in presenza in Abruzzo, Vacca (M5S): "Chi non permette l'istruzione dei ragazzi reca un danno enorme al Paese"

POLITICA / REGIONE ABRUZZO Domenica 10 Gennaio 2021

Lezioni in presenza in Abruzzo, Vacca (M5S):
"Domani si parte con le lezioni in presenza per gli studenti abruzzesi, sono molo felice che i nostri ragazzi finalmente avranno la possibilità di tornare a scuola: un obiettivo per il quale questo Governo ha lavorato tanto e con profondo senso di responsabilità. E’ bene ricordare che il Governo ha destinato alla riapertura delle scuole e alla sicurezza nelle aule fondi per ben 7 miliardi di euro. 
E’ inaccettabile, però, che molte altre regioni abbiano deciso di non mantenere l’impegno preso con il Ministero, firmato il 23 dicembre, lasciando gli studenti a casa: riaprono tutto ma non la scuola. Paradossalmente, nella maggior parte delle regioni italiane, da domani i ragazzi, grazie all’apertura di negozi, ristoranti e bar, potranno fare shopping, prendere l’aperitivo ma non potranno andare a scuola. Una scelta gravissima su cui si deve intervenire il prima possibile. La preoccupazione è legata agli strascichi che l'emergenza sanitaria comporterà nei prossimi mesi/anni sugli apprendimenti degli studenti, e quindi sul loro futuro, sociale e lavorativo, che rischia di subire danni pesanti. In questo contesto è ancora più importante che l'Abruzzo abbia preso la strada giusta. Perciò voglio ringraziare i Prefetti e tutti coloro che hanno lavorato per riportare i nostri ragazzi a scuola; voglio fare il mio più grande in bocca al lupo a tutti gli studenti abruzzesi delle scuole superiori e augurarmi che la Regione continui a lavorare per garantire la frequenza scolastica ai nostri giovani” ad affermarlo è il Capogruppo della Commissione cultura e istruzione alla Camera dei Deputati Gianluca Vacca (M5S).Area degli allegati

Commenta

Oggi su R+News

Mincarelli
Tarquini
La sirenetta
Rasicci Studio Odontoiatrico