Luzii (Italia Viva) sulla sospensione della raccolta a Carapollo: "Decisione inopportuna, disservizio evidente"

ATTUALITA / TERAMO Mercoledì 18 Novembre 2020

Luzii (Italia Viva) sulla sospensione della raccolta a Carapollo:

All’esito di numerose segnalazioni di cittadini giustamente preoccupati, appare necessario comunicare la grave inopportunità della sospensione dell’accesso al Centro di Raccolta Rifiuti di Contrada Carapollo, sia in riferimento alle utenze domestiche che a quelle non domestiche. 

In tal senso, risulta evidente il disservizio fornito ai cittadini e alle imprese, considerato che quasi tutte le attività produttive sono autorizzate ad esercitare nei rispettivi settori, pur dovendo adottare le misure di contenimento del contagio COVID (disposte dal DPCM 3 Novembre 2020 e dalla successiva Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 102 del 16.11.2020). 

Ne discende che se da oggi, 18 novembre 2020, al prossimo 3 dicembre 2020 bisognerà osservare le ulteriori disposizioni normative legate alla pandemia, non è accettabile che la Teramo Ambiente S.p.A. chiuda il centro di raccolta dei rifiuti mettendo in difficoltà molti condomìni nei quali sono in corso i lavori edili che rivestono particolare urgenza (lavori post sisma, eco bonus, sisma bonus, ristrutturazioni e vari altri bonus edilizi) e in conseguenza dei quali si sono create numerose esigenze di conferimento di rifiuti ingombranti e non, relativi alle necessità di svuotamento degli immobili oggetto degli interventi di ristrutturazione. 

E se è vero che la Te.Am. ha comunicato che le “eventuali situazioni di comprovata e impellente indifferibilità potranno essere gestite attraverso il numero verde 800 25 32 30 o attraverso il sistema di prenotazione dell’APP “DifferenziataTeramo”, ovvero sui siti web www.teramoambiente.it e www.differenziatateramo.it”, è altrettanto vero che già dalla mattinata odierna i disservizi si sono manifestati e sono palesi (anche solo per la necessità di dover comprovare l’indifferibilità), per cui chiedo che con la massima sollecitudine il sindaco e la società Te.Am. si attivino per riaprire senza indugio il Centro di Raccolta Rifiuti di Contrada Carapollo, onde evitare il perdurare dei disagi ai cittadini e alle attività produttive. 

 

 

Teramo, 18 novembre 2020

Il Consigliere Comunale di Italia Viva Teramo



Commenta

Oggi su R+News

Rasicci Studio Odontoiatrico
La sirenetta
Mincarelli
Tarquini