Maestra d'asilo picchia bimbo disabile in bagno: a processo

CRONACA / PESCARA Lunedì 11 Gennaio 2021

Maestra d'asilo picchia bimbo disabile in bagno: a processo

Finisce a processo una maestra d'asilo accusata dalla procura di aver picchiato un bimbo disabile che non voleva fare la pipì. L'aggressione, come ha ricostruito l'inchiesta condotta dal sostituto procuratore Marina Tommolini, sarebbe avvenuta nel bagno di una scuola dell'infanzia del Pescarese. L'insegnante, 67 anni, residente a Pescara, è nel frattempo andata in pensione: è accusata di abuso di mezzi di correzione o di disciplina nei confronti della vittima che, all'epoca dei fatti (marzo 2019), aveva appena tre anni e mezzo. La prima udienza del processo si terrà il prossimo 3 febbraio. In base all'accusa, mentre era in bagno con il bimbo che non voleva fare la pipì e aveva cominciato a piangere e dimenarsi, la maestra lo avrebbe forzato, «strattonandolo, prendendolo per il collo da dietro e facendogli sbattere la testa contro il muro». Non solo: la donna avrebbe proseguito dandogli «pizzicotti sul braccio, tanto che il pianto e le urla del piccolo richiamavano l'attenzione dell'insegnante di sostegno, che entrava nel locale e lo prendeva in braccio». A far scattare la denuncia, la collaboratrice scolastica che ha segnalato subito l'accaduto (cui aveva assistito) alla dirigente. L'imputata nega ogni accusa. 

Commenta

Oggi su R+News

Mincarelli
Tarquini
La sirenetta
Rasicci Studio Odontoiatrico