Montorio al Vomano. L'assessore Massimo Rastelli si dimette e spiega perchè

TERAMO Martedì 29 Ottobre 2019

Montorio al Vomano. L'assessore Massimo Rastelli si dimette e spiega perchè

La lista civica "Montorio che vorrei" ha vinto le elezioni comunali nel giugno 2018, procurando  indubbiamente una svolta nell' amministrazione del nostro amato paese e indicando un volto finalmente nuovo alla guida dello stesso.

Ebbene, dopo poco più di un anno siamo arrivati ad un punto di svolta: era difficile per me immaginare che una lista civica creata su larghe intese, con anime diverse, potesse e dovesse in breve tempo necessariamente "spostare" il proprio centro di gravità verso "i numeri" portati dai partiti del centrodestra a questa amministrazione: non era questa la visione del progetto iniziale. È ora evidente a tutti che la lista civica ha cambiato il proprio volto e i partiti di centrodestra reclamano la loro preponderanza: ciò comporta, allo stato attuale, la necessità di operare altre scelte nel governo del paese e nello specifico nella composizione della giunta.

Sento personalmente di aver agito, nel corso di questi 16 mesi, nel modo più coerente al mandato che l'amministrazione Facciolini ha ricevuto. Ho operato fattivamente con le deleghe che mi sono state assegnate portando a termine numerosi progetti e iniziando a lavorare su altrettanti. Mi piace ricordarne qui alcuni: l'affidamento del servizio di gestione dei rifiuti alla MO.TE. spa, con il connesso ampliamento dei servizi, un cambio  osteggiato dalle opposizioni fin dall'inizio ma che, a distanza di mesi dall'inizio del servizio, ha prodotto solo effetti positivi, smontando e smorzando di fatto tutte le critiche e le presunte illegittimità dell'affidamento.

Ancora, voglio citare l'ampliamento dei servizi presso il centro di riuso la nuova ecoisola automatica in Largo Tom Di Paolantonio, le 5 colonnine per la ricarica delle auto elettriche ed 1 per le bici,il recente spostamento dell' ufficio della MO.TE. spa presso Palazzo Patrizi e la regolamentazione dei locali dati alle Associazioni, nell' ottica della rivitalizzazione del centro storico e di un'offerta migliorativa del servizio. 

Senza dimenticare la scuola, con l’inaugurazione della biblioteca dei piccoli, il costante monitoraggio dell'efficienza energetica di tutti i plessi, la cura della manutenzione ordinaria interna e la sensibilizzazione dei piccoli studenti verso una corretta educazione al riciclo.

La ristrutturazione degli edifici destinati al COC Centro Operativo Comunale e ad uso delle Associazioni di Protezione Civile, degli Scout e degli Alpini

Infine un progetto  che ha visto già la nascita: RE-START 2009, di cui Montorio è il comune piu grande e che vedrà concretizzarsi notevoli investimenti e progetti nel nostro territorio. 

Solo un ultimo appunto: l'occasione mancata del centro di smistamento, che avrebbe portato molti posti di lavoro a Montorio, facendo dello stesso un centro all' avanguardia nella gestione dell' ultima fase di lavorazione dei rifiuti prodotti in favore di una notevole riduzione della parte convertibile in discarica.

Sono assolutamente convinto che il mio lavoro e quello finora svolto da questa amministrazione non debba in modo assoluto andare disperso e che sia necessario portare avanti tanto i progetti già giunti a realizzazione, quanto quelli appena iniziati.

È pertanto necessario che, affinché questa amministrazione possa continuare il proprio lavoro, io lasci il mio assessorato, rimettendo il mio incarico nelle mani del sindaco.

Sarò consigliere e continuerò a svolgere il mio compito con lo stesso impegno che finora ho profuso, operando con assoluta fiducia e lealtà nei confronti del sindaco Ennio Facciolini.

Confido in chi mi succederà in giunta, affinché possa perseguire con la stessa lealtà e perseveranza la volontà di attuare quel cambiamento che Montorio merita.

La mia decisione spero che serva anche a placare gli animi delle opposizioni, del tutto incapaci finora di essere costruttive e propositive, perfino di informarsi in modo adeguato sulla gestione dei temi amministrativi finora portati avanti.

Occupate solamente nei loro "manifesti accusatori" nei confronti, in particolar modo, del sottoscritto. Accuse che rispedisco fermamente al mittente: nessun interesse personale, nessuna promessa di posti di lavoro. Non sono stato la "longa manus" del sindaco né il suo "fido scagnozzo" e men che meno "un cancro" per il mio paese: certe parole andrebbero usate con estrema attenzione.

Spero vivamente che certi commenti, diretti alla mia persona, vengano rimossi o modificati perché vanno a colpire la sensibilità personale e soprattutto familiare. 

Mi auguro, infine, che serenità e tranquillità, dialogo e condivisione, siano fattori nuovi e fondamentali di buon governo.  Auguro alla nuova Giunta ed in particolare al Sindaco di poter amministrare fino alla fine del mandato, all'amico Mario Facciolini di rimanere  lungimirante, caparbio, umile ma deciso come lo è stato sino ad oggi: una persona, la migliore che il paese abbia mai potuto avere. Viva Montorio!

Massimo Rastelli

Commenta

Radiosanit

Oggi su R+News

Vaccino Antinfluenzale
Principale
Castrucci