TERAMO Martedì 16 Luglio 2019

Parere favorevole al bilancio dell'Izs, saranno cedute le strutture dismesse come la Gattìa

Parere favorevole al bilancio dell'Izs, saranno cedute le strutture dismesse come la Gattìa

Il nuovo collegio dei revisori dei conti costituito da Emanuele Palanga (Presidente) Dario Di Eugenio e Marco Di Girolamo ha espresso parere favorevole al Bilancio di esercizio 2018  approvato dal Consiglio di amministrazione e che denota un andamento positivo dell’Istituto con incremento dei settori strategici come quello della sicurezza alimentare, della ricerca e della Information e Communication Technology (ICT).

Nella stessa seduta il Cda ha approvato la dotazione organica e il fabbisogno occupazionale. La struttura risulta oggi  costituita da  268 lavoratori con contratto a tempo indeterminato di cui 114 donne e 83 uomini nelle qualifiche non dirigenziali e 32 donne e 39 uomini in quelle dirigenziali.

Piu del 70% dei dipendenti dell’IZSAM è laureato ed il 30% viene dedicato alla ricerca. La previsione occupazionale per il prossimo triennio 2019/2021 è di 37 nuove assunzioni, di cui 22 con contratto a tempo determinato con qualifiche diverse.

Il fabbisogno occupazionale interessa in particolare i  settori strategici e di maggiore crescita dell’Istituto quali  la sanità animale, la sicurezza alimentare e ICT. La dotazione organica  è stata predisposta  nel segmento dedicato alla ricerca in modo da consentire  l’ attuazione delle nuove procedure previste dalla legge di bilancio 2018 per l’assunzione dei precari della ricerca ( la cosiddetta  “piramide”) e per le quali sono  in fase di approvazione presso il Ministero della Salute i regolamenti attuativi.

Il Consiglio di amministrazione nella prospettiva di crescita dell’Istituto ha accolto favorevolmente la proposta del Direttore Generale F.F. Nicola D’Alterio di cedere le strutture dismesse come quelle che si trovano a  L’Aquila e a Teramo, in contrada  Gattia, e munire invece la sezione di Pescara di una sede di proprietà, considerato il ruolo strategico  politico-economico che la città di Pescara oggi ricopre nella Regione Abruzzo, e quindi dell’ opportunità di incrementare i servizi e le attività.

Con la liquidazione ai dipendenti  entro il mese di luglio degli incentivi regionali  grazie all’accordo concluso con le due regioni Abruzzo e Molise, si è infine positivamente conclusa  la lunga  e complessa fase di  risoluzione delle diverse  situazioni  rimaste in sospeso che riguardavano i dipendenti dell’ente e i contratti di lavoro e che incidevano negativamente sulla retribuzione dovuta.

«In questi quattro anni  - afferma la presidente del Cda Manola Di Pasquale - si è fatto un importante lavoro per ripristinare la regolarità  amministrativa e contabile a beneficio dei dipendenti  ma anche della crescita strategica di questo importantissimo ente,  il raggiungimento di molti degli obiettivi che ci eravamo prefissati ci rende orgogliosi».





Commenta


Oggi su R+News

Teramo, Province of Teramo, Italy
Canon
Ruzzo
R+Adv
Dolce Vita
Podere Marcanto