Pescara. La micromobiltà avrà la sua regolamentazione. Il Consiglio approva la mozione dei 5 stelle

PESCARA Martedì 01 Ottobre 2019

Pescara. La micromobiltà avrà la sua regolamentazione. Il Consiglio approva la mozione dei 5 stelle


 

Approvata in Consiglio Comunale la mozione del Movimento 5 Stelle per regolamentare l'uso dei mezzi di micromobilità elettrica come monopattini elettrici, segway, monowheel e hoverboard

 

 

Facendo seguito al Decreto Ministeriale n.229 del 4 giugno 2019 fatto approvare dall'ex Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli si è aperta la possibilità per i comuni italiani di aderire alla fase di sperimentazione finalizzata all'uso dei mezzi di micromobilità elettrica. 

“La possibilità di impiegare questi mezzi anche in aree pubbliche era finora vietata dal Codice della strada che non teneva in considerazione il fatto che questi microveicoli esistono da circa 20 anni, come nel caso del segway. Il decreto finalmente permette ai sindaci di adottare un apposito regolamento per far sì che questi mezzi, sempre più diffusi, possano essere utilizzati anche in apposite zone della città.” dichiara il consigliere del M5S Pescara Massimo Di Renzo primo firmatario della mozione.

 

Diverse città tra cui Milano, Torino e Rimini hanno già avviato una fase di sperimentazione e i primi risultati sono molto incoraggianti. L'utilizzo dei mezzi di micromobilità elettrica ha portato ad una effettiva riduzione del numero di auto private in circolazione ed ha migliorato la qualità della mobilità urbana, specie nelle zone centrali e più congestionate dal traffico.

 

"Abbiamo presentato questa mozione perché al più presto, anche a Pescara, possa partire una fase di sperimentazione, attraverso l’approvazione di un regolamento che stabilisca dove poter circolare con questi mezzi - aree pedonali, piste ciclabili o zone 30 – aggiungono i consiglieri del M5S Pescara Giampiero Lettere, Paolo Sola ed Erika Alessandrini – così da fare un nuovo importante passo in avanti verso una mobilità veramente green che consentirà di offrire nuovi mezzi di trasporto nell’ottica dell’intermodalità a zero emissioni. Enormi erano le lacune legislative in materia e di fatto questo finiva per penalizzare o proibire l’uso dei veicoli della micromobilità. Si sono rese necessarie nuove regole, arrivate dal Governo centrale, e siamo soddisfatti di aver inserito la nostra città tra le prime che si metteranno al lavoro per renderle subito operative”. 

Radiosanit

Commenta

Oggi su R+News

R+Adv
Canon
Principale
Scrigno del Mare
Dolce Vita