Polemiche in Consiglio per il gesto di Lancione alla commemorazione delle Foibe

POLITICA / TERAMO Martedì 11 Febbraio 2020

Polemiche in Consiglio per il gesto di Lancione alla commemorazione delle Foibe

Vergogna! Da cittadino teramano, da italiano, da padre di una bambina di 13 anni,  prima ancora che da consigliere capogruppo di Fratelli d’Italia stigmatizzo con la parola vergogna quello che e’ avvenuto in consiglio comunale oggi 11.2.20.
E’ stata scritta la piu’ brutta pagina della storia del consiglio comunale della citta’ di Teramo ad opera del consigliere Lancione, di dichiarata fede comunista, il quale in spregio alle piu’ elementari regole di educazione e rispetto ha abbandonato l’aula consiliare lanciando sul tavolo della presidenza il badge di presenza dopo la richiesta di commemorare i Martiri delle Foibe con un minuto di silenzio ad inizio seduta.
Il tutto e’ avvenuto con il colpevole silenzio del sindaco, della giunta e dei consiglieri di maggioranza.
Anzi, al consigliere Fracassa che aveva evidenziato l’atto, dai banchi della giunta si e’ cercato di spiegarne l’atteggiamento  come una presa di posizione dinanzi ad una sorta di propaganda elettorale del centro destra sulla tragedia delle foibe.
Sarebbe bastato dire il consigliere Lancione ha sbagliato ed ha sbagliato tanto perche’ con il suo inopinato comportamento non ha mancato di rispetto solo all’assise civica del capoluogo ma e soprattutto a diverse migliaia di italiani trucidati nelle foibe ed ai circa 300,000 esuli dalmati, istriani e fiumani che per le milizie del maresciallo Tito avevano la sola colpa di essere italiani.
Negli ultimi giorni con l’avvicinarsi della giornata del ricordo della tragedia delle foibe nella sinistra italiana-per fortuna non tutta- abbiamo assistito a deliranti affermazioni di  personaggi che fanno del negazionismo la loro bandiera.
Evidentemente alla luce di quello che e’ successo oggi dobbiamo annoverare tra essi-purtroppo-il consigliere Lancione.
Nell’attesa delle scuse di Lancione aspettiamo anche da parte  del sindaco D’Alberto nonche’ dei gruppi consigliari di maggioranza una netta presa di distanza da un gesto cosi’ disonorevole e di totale lontananza dalle parole del Presidente della Repubblica e delle maggiori cariche istituzionali dello Stato sulla tragedia delle foibe identificata come “sciagura nazionale dimenticata”, cariche istituzionali che di certo non possono essere additate di adoperarsi in attivita’ di propaganda elettorale .
Il capogruppo di fratelli d’italia
Pasquale Tiberii

Commenta

Oggi su R+News

Radiosanit
Castrucci
Podere Marcanto
Rasicci Studio Odontoiatrico