Regione, cinquantamila euro alla frazione di Azzinano di Tossicia riconosciuto come “Paesi Dipinti”

/ REGIONE ABRUZZO Sabato 28 Dicembre 2019

Regione, cinquantamila euro alla frazione di Azzinano di Tossicia riconosciuto come “Paesi Dipinti”

 “Apprendiamo con grande soddisfazione il finanziamento della Legge Regionale n. 49 del 2013 con la quale le località teramane di Azzinano di Tossicia e di Casoli di Atri sono stati qualificati ‘Paesi dipinti’ e Treglio, in provincia di Chieti, è stato riconosciuto ‘Paese dell’Affresco’. Le risorse che la Regione ha stanziato nell’ambito del Bilancio di Previsione finanziario 2020/2022 ci permetteranno di realizzare i progetti e le iniziative in programma tese a valorizzare turisticamente le tre località accomunate dall’arte”. Così i sindaci dei tre comuni interessati, Piergiorgio Ferretti (Atri), Emanuela Rispoli (Tossicia) e Massimiliano Berghella (Treglio) commentano la notizia del finanziamento regionale di 150 mila euro, da distribuire equamente tra le tre località, facendo seguito al lavoro sinergico portato avanti nell’ottica della valorizzazione dei paesi dipinti o dell’affresco.

I paesi interessati, riprendendo il concetto di “museo a cielo aperto”, hanno creato una propria identità culturale che li contraddistingue, quello che la Convenzione Europea del Paesaggio, nel 2000, ha definito “prodotto sociale” che parla della e alla società che lo costruisce e lo trasforma. Il paesaggio ha così, una natura processuale e “relazionale” traendo il suo senso non soltanto dagli elementi – naturali e umani – che lo compongono, ma anche dalle relazioni fra questi e, soprattutto, dal modo in cui le popolazioni percepiscono dinamiche innovative. L’arte in questo senso ha una funzione strategica, in grado di creare identità e riconoscibilità.

“Siamo felici di questo finanziamento – commentano ancora i tre primi cittadini – segno che il lavoro congiunto di tre comuni e dei consiglieri regionali di maggioranza per Teramo e del Movimento 5 Stelle per Treglio, viene premiato. Tutti i nostri paesi hanno una mission comune, che sta nell’interpretazione dei luoghi attraverso l’arte e la cultura che si manifesta in maniera del tutto dinamica e perfettamente integrata con il tessuto sociale urbano, in contesti paesaggistici unici. Per questo nel 2017 abbiamo siglato un protocollo d’intesa per la valorizzazione e la promozione dei nostri territori, consapevoli che la cultura possa diventare generatrice di sviluppo. E’ così che prosegue la Biennale Nazionale di pittura murale di Casoli di Atri che si arricchisce di un dipinto a ogni edizione o le incessanti attività della Pro Loco e dei Comuni di Azzinano e Treglio, dove la pittura dona vita ai centri dando colore ed espressività. Con queste risorse avremo l’opportunità di investire dal punto di vista del marketing, delle tecnologie digitali, di adeguare l’illuminazione e la cartellonistica, sarà possibile realizzare delle utili pubblicazioni e curare la manutenzione ordinaria delle opere. Ringraziamo il consigliere regionale Francesco Taglieri e i consiglieri regionali di maggioranza Umberto De Annuntiis e Pietro Quaresimale per aver sostenuto congiuntamente il finanziamento della Legge Regionale, prima volta dall’istituzione dei Paesi Dipinti d’Abruzzo”.

«Per quanto riguarda Il borgo di Azzinano ringraziamo l'assessore regionale Umberto d’’Annuntiis che ha preso a cuore il nostro piccolo paese e dopo averlo visitato ha creduto fermamente di mettere nel contenuto nella legge regionale che già ci aveva riconosciuti i paesi dipinti d’Abruzzo insieme a Casoli di Atri e Treglio di Lanciano - ha dichiarato il Sindaco di Tossicia Rispoli - naturalmente è stata preziosa la collaborazione di tutti i consiglieri regionali che hanno approvato all’unanimità gli emendamenti al testo di legge con i quali hanno stanziato 50.000 € per tre anni da dividere tra i tre paesi dipinti».

Particolarità di Azzinano è che il tema dei murales dipinti in arte naif è quello dei giochi di una volta, tema unico in Italia e anche in Europa.

Commenta

Oggi su R+News

Radiosanit
campagna covid
Tarquini
La sirenetta