img

TERAMO Venerdì 15 Marzo 2019

Ricostruzione, qualcosa inizia a muoversi


Risultato importantissimo presso la sede Anci all'esito del lungo ma proficuo confronto con il sottosegretario Crimi sulle proposte di modifica al D. L. 189|2016 per sbloccare finalmente la ricostruzione nel centro Italia e restituire speranza ai nostri territori e ai nostri cittadini che da troppo tempo vivono in sofferenza fuori dalle loro abitazioni.
Tante le proposte formulate dai Sindaci rappresentanti del cratere e condivise dal sottosegretario che sta predisponendo, per le prossime settimane, la prima formulazione del decreto da far approvare dal CDM.
Tra le tante nostre richieste riformulate anche nell'intervento e già condivise, si segnalano:
* Centralità alla situazione del nostro cratere sismico contro il rischio di una sottovalutazione che stiamo pagando da troppo tempo;
* Cabina di coordinamento unica tra tutti i livelli istituzionali per una strategia unitaria che tenga conto delle diverse esigenze dei territori ;
* Potenziamento del personale dedicato ai comuni per lo sblocco e l'accelerazione della ricostruzione (al momento circa 350 unità);
* garanzia di un turnover certo ed immediato per ricoprire i posti lasciati vacanti dall'applicazione della cd. quota 100;
* proroga dei contratti attualmente in scadenza al 31 marzo 2019 per evitare pericolosi vuoti operativi;
* trasferimento, su base volontaria, delle funzioni ai comuni per l'esame delle pratiche di ricostruzione leggera (categoria B e C) per accelerare da subito il rientro delle rientro nelle abitazioni con danni lievi. Ovviamente tale trasferimento è collegato all'incremento delle unità di personale. Questo lo pretenderemo;
* snellimento e semplificazione delle procedure per la ricostruzione pubblica (strategica e abitativa), sia per la progettazione che per i lavori;
* soluzione dei problemi sulla nomina dei segretari comunali nei piccoli comuni.
Queste insieme a tante altre proposte.
Una bella pagina di collaborazione istituzionale che proseguirà nelle prossime settimane che ci porteranno a vigilare sul rispetto degli importanti impegni assunti e a proporre ulteriori emendamenti, in sede di conversione parlamentare del decreto legge, a difesa del nostro territorio ferito.
Non è più il tempo degli alibi perché politica e istituzioni hanno già abusato troppo della pazienza e della dignità dei nostri territori e dei nostri cittadini colpiti. É giunto il tempo delle risposte vere, dello sblocco e dell'accelerazione di una ricostruzione ancora ferma al palo, nella consapevolezza che insieme ce la faremo.


Loading...
Canon
Principale
Giovedì 16 Maggio 2019
Strada dei Parchi smorza gli entusiasmi
Martedì 14 Maggio 2019
Forti nevicate ai Prati di Tivo