Torto (M5S): Ecco la risposta del ministro Bonafede alla mia interrogazione sulla Casa Circondariale di Pescara

POLITICA / PESCARA Venerdì 17 Gennaio 2020

Torto (M5S): Ecco la risposta del ministro Bonafede alla mia interrogazione sulla Casa Circondariale di Pescara

Nel mese di ottobre, la deputata dei 5Stelle abruzzese, Daniela Torto, intervenne pubblicamente relativamente alla casa circondariale di Pescara, a causa di alcuni problemi di carattere strutturale, del sovraffollamento delle carceri e del sottodimensionamento dell'organico degli agenti di Polizia Penitenziaria in relazione al numero dei detenuti, dichiarando di presentare un’interrogazione al Ministero competente. “Nella sua risposta il Ministro ha confermato l’elevato numero di carcerati, con un indice di affollamento ben al di sopra anche del tasso medio nazionale, ma comunque nel rispetto della normativa vigente relativa allo spazio vitale necessario per ogni recluso. Tuttavia mi è stato reso noto, che già dalla metà di ottobre la struttura di Pescara ha visto il trasferimento in altre sedi di circa 50 detenuti e conferma a pieno l'impegno ad incrementare i negoziati con i paesi extra-europei e, in collaborazione con il Ministero della Giustizia per velocizzare le procedure, a favorire direttamente il rimpatrio dei detenuti stranieri, di cui nell’istituto di Pescara sono oltre il 30%”, dichiara la pentastellata. “Il problema del sovraffollamento delle carceri è comune in molte realtà del nostro territorio nazionale e per questo il Ministro ha voluto porre alla mia attenzione come abbia avviato un serio e concreto rilancio dell’edilizia penitenziaria che entro il 2025 porterà ad un incremento di ben 55mila posti detentivi in più”, continua la deputata Torto. “Invece per quanto riguarda il personale di Polizia penitenziaria, il carcere di Pescara ha un numero carente di Sovrintendenti che però viene compensato, solo dal punto di vista numerico, dall’esubero di Ispettori. Ad ogni modo il Ministero informa che gli oltre 2800 vincitori di concorso interno per la qualifica di Vice Sovrintendente, al termine del corso di formazione, potranno sicuramente andare a colmare le carenze di personale su tutto il territorio nazionale, anche a Pescara, e che a breve verranno completate le procedure concorsuali per l’assunzione di altri 754 posti da allievo agente e si provvederà anche all’assunzione straordinaria di oltre 1300 allievi del Corpo di Polizia Penitenziaria, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2019”, prosegue la portavoce abruzzese. “Inoltre in merito alle criticità strutturali dell’Istituto detentivo di Pescara che avevo segnalato, il Ministero ha già predisposto circa 300 mila euro, per il ripristino degli impianti di sicurezza e per l’automazione degli accessi, andando così a risolvere un problema fondamentale per la sicurezza degli agenti.” E conclude la deputata del M5s Daniela Torto, “lo stato delle carceri italiane è un problema annoso che affligge il nostro paese da tempo. Le azioni intraprese dal Ministero dell’Interno mi sembrano l’unica risposta possibile dal punto di vista strutturale. Ad ogni modo affinché si possa davvero arrivare ad una soluzione definitiva della questione, credo ci si debba comunque interrogare e agire ad un livello precedente, e cioè attraverso l’educazione alla cittadinanza e al rispetto dell’altro, fondamenti di ogni società civile, nella scuola e anche in tutti i luoghi di aggregazione sociale."

Commenta

Oggi su R+News

Podere Marcanto
Rasicci Studio Odontoiatrico
Castrucci
Radiosanit