Ucciso dall'elica della piccola barca che gli ha frantumato il cranio

CRONACA / TERAMO Lunedì 19 Agosto 2019

Ucciso dall'elica della piccola barca che gli ha frantumato il cranio

I tagli al volto e all'encefalo che hanno poi fratturato il cranio di Mario D'Eustacchio lo hanno portato alla morte avvenuta in pochi minuti. Tutto questo sarebbe stato causato dall'elica della piccola barca che avrebbe transitato sul corpo dell'uomo mentre nuotava. E' quanto accertato oggi pomeriggio dall'autopsia svolta sul corpo di Mario D'Eustacchio svolto dal dottor Pino Sciarra all'ospedale Mazzini.

Il 62enne marittimo di Silvi era stato rinvenuto cadavere in mare sabato. La Procura ha intanto iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo, il nome di un pescatore per omicidio colposo, lo stesso marittimo che avrebbe dato l’allarme alla Capitaneria di Porto.

Commenta

Oggi su R+News

Castrucci
Annunziata Scipione
Podere Marcanto
Vaccino Antinfluenzale