UNIVERSITÀ DI TERAMO E CONTAMINATION LAB LEADER ABRUZZESI PER INNOVAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ

ATTUALITA / CHIETI Lunedì 09 Dicembre 2019

UNIVERSITÀ DI TERAMO E CONTAMINATION LAB LEADER ABRUZZESI PER INNOVAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ

La startup Regrowth ‒ ideata da un dottorando dell’Università di Teramo ‒ ha vinto la Finale della competizione regionale StartCup Abruzzo 2019, che si è tenuta a Chieti lo scorso venerdì, organizzata da PNICube, Premio nazionale innovazione promosso dall’omonima associazione che riunisce Università e incubatori universitari italiani.

La startup Regrowth è un progetto innovativo nato all’interno di Contamination Lab, programma di formazione imprenditoriale e incubazione di spin-off e startup dell’Università degli Studi di Teramo.

L’idea vincitrice, proposta dall’israeliano Michael Odintsov-Vaintrub, medico veterinario e dottorando di ricerca in Zootecnia e benessere animale dell’Università di Teramo, mira alla creazione di un modello eco-sostenibile per la decentralizzazione della produzione e dei servizi in agricoltura, allo scopo di promuovere una intensificazione a basso impatto ambientale della produzione delle aree interne e delle zone marginali, a beneficio dell’imprenditore, dell’ambiente e del tessuto sociale.

«L’esito della Finale della StartCup 2019 – ha spiegato Christian Corsi, coordinatore scientifico del progetto – è segno di un eccellente lavoro svolto nella formazione imprenditoriale e nel supporto allo sviluppo di startup che negli ultimi mesi abbiamo fortemente implementato nel nostro Ateneo attraverso il programma C-LAB».

Oltre al progetto vincitore, infatti, 4 dei 10 finalisti sono il risultato tangibile dei quattro mesi di intenso lavoro in Contamination Lab, dove i progetti di impresa sono stati seguiti costantemente dal Project Manager Athos Capriotti, attraverso modelli consolidati di trasferimento tecnologico.

«La competizione, promossa dalla Regione in collaborazione con PoliHub - Innovation District & Startup Accelerator del Politecnico di Milano, Innovalley, Università degli Studi di Teramo, Università degli Studi “G. d’Annunzio”, Università degli Studi dell’Aquila, Gran Sasso Science Institute e Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” ‒ ha concluso Corsi ‒ rappresenta l’esempio concreto di una solida base per la creazione dell’ecosistema d’innovazione e startup dell’Abruzzo, che solamente nella sinergia tra i vari attori del territorio può trovare la migliore via di sviluppo per emergere ed essere competitivo sul panorama nazionale e internazionale».

Commenta

Oggi su R+News

Radiosanit
campagna covid
Tarquini
Rasicci Studio Odontoiatrico