R+ REGIONE ABRUZZO

 Università, l'Abruzzo spende troppo poco Screening

REGIONE ABRUZZO Martedì 13 Agosto 2019

Università, l'Abruzzo spende troppo poco

L'Ancot, Associazione nazionale consulenti tributari, ha analizzato quanto hanno indicato i contribuenti italiani nelle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2018, relative al 2017, nella sezione relativa agli oneri detraibili al 19% in relazione alle spese per l'istruzione universitaria: i contribuenti abruzzesi risultano avere, nel complesso, una delle medie più basse, superiore solo alla Sardegna.
La scelta del percorso accademico è sempre importante. In questo periodo, gli studenti valutano le diverse offerte proposte dalle Università italiane e straniere per poi decidere l'indirizzo che segnerà, nella maggior parte dei casi, anche il loro futuro professionale. Sono stati complessivamente 1.538.387 i contribuenti che hanno indicato le spese per l'istruzione universitaria nel proprio modello di dichiarazione dei redditi per un ammontare di 1.799.001.000 euro e una media per ogni dichiarazione pari a 1.170 euro. Lo evidenzia oggi Il Messaggero Abruzzo.
Analizzando la situazione nelle diverse regioni italiane emerge che in Lombardia, al primo posto della graduatoria, sono stati 234.747 i contribuenti che hanno dichiarato le spese per l'istruzione universitaria, per un importo pari a 338.574.000 euro e una media di 1.144 euro.
L'Abruzzo si trova in fondo alla graduatoria con Abruzzo 960 euro, seguito soltanto dalla Sardegna con 890 euro.

Commenta la notizia

Sagra della Porchetta

Oggi su R+News

R+Adv
Scrigno del Mare
Mincarelli