- Domenica 06 Gennaio 2019

VIDEONEWS/ Ecco i vincitori dei presepi più belli


new campaign

Confermato il grande successo dell’edizione 2018 del “Concorso dei Presepi - Quartieri e Frazioni della Città di Teramo”, promosso e organizzato dall’Associazione Nuove Energie con la collaborazione di Guido Campana e Rudy Di Stefano. 

In una sala episcopale gremita di partecipanti e appassionati presepisti, si è svolta ieri mattina, sabato 5 gennaio, la cerimonia di premiazione presieduta da S.E. Mons. Lorenzo Leuzzi che, piacevolmente colpito dalla folta presenza di cittadini, ha manifestato il suo apprezzamento per l’iniziativa e ha premiato i vincitori: 1° classificato Magnanella, 2° Castrogno e 3° Castagneto.


I tre presepi si sono distinti per aver rispettato i criteri che il presidente di giuria, Gianluca Iannetti, e i giurati Guido Campana, Rudy Di Stefano, Luigi Galiffa, Alessia Stranieri e Erminia Temperini hanno considerato per la valutazione nelle visite ai partecipanti: tipologia presepe, proporzioni, scenografia, movimenti meccanici, musica, particolare rappresentativo. 


S.E. Mons. Lorenzo Leuzzi ha poi consegnato le targhe con premi speciali a ben 8 partecipanti a cui la giuria ha voluto dare un riconoscimento per alcune peculiarità nelle installazioni: “Rappresentatività territoriale” a Colleatterrato Alto - Casalena, “Interpretazione Sacre Scritture alla Parrocchia Sacro Cuore, “Scenografia” a Valle San Giovanni, “Luci e colori” a Colleparco, “Armonia” a Villa Gesso, “Originalità” a Nepezzano, “Materiali Utilizzati” a pari merito a Frondarola e Piano della Lenta.


Tutti i partecipanti all’edizione 2018, ben 23 gruppi tra frazioni, quartieri e parrocchie hanno ricevuto l’attestato di partecipazione come doveroso riconoscimento per l’impegno e per aver colto lo spirito dell’iniziativa, la condivisione nella riscoperta del senso della tradizione.


Il quartiere Colleatterrato Alto Casalena ha, inoltre, ricevuto in dono, tramite sorteggio, un presepe realizzato dal presidente di giuria, Gianluca Iannetti. 


A conclusione della cerimonia è stata donata la Torre di Amatrice, simbolo degli eventi sismici del 2016, ad una delegazione della città. 



Loading...
Canon
Principale