VIDEONEWS / La protesta dei sindaci del cratere a Roma: «subito un commissario per la ricostruzione»

POLITICA / NAZIONALE Mercoledì 15 Gennaio 2020

I sindaci dei 138 Comuni del cratere del sisma 2016 di Abruzzo, Marche e Umbria, si sono riuniti a Roma per in Assemblea con Antonio Decaro (sindaco di Bari), presidente nazionale dell'Anci. A guidare la delegazione dei primi cittadini di Abruzzo, il sindaco di Teramo, Gianguido D'Alberto, presidente regionale Anci.
Subito un nuovo commissario per la ricostruzione, "con capacità manageriali e politiche, con disponibilità al dialogo col territorio", e procedure più semplici per la ricostruzione privata perché i cantieri sono fermi. Sono le richieste dei sindaci dei 138 Comuni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpiti dal sisma, riuniti in un'assemblea a Roma, e che il presidente dell'Anci, Antonio Decaro farà al governo e al parlamento.
In primo luogo occorre, secondo l'Anci, il nuovo commissario, che è scaduto da 15 giorni: "Possono sembrare pochi per le procedure ordinarie ma per quelle straordinarie sono un'eternità - ha sottolineato Decaro alla fine dell'assemblea facendosi portavoce -. Il decreto ha tenuto dentro una parte delle richieste dei Comuni, ma se più di 100 sindaci hanno deciso di venire a Roma e in maniera sobria porre delle questioni al governo vuol dire che hanno dei problemi. Se guardiamo i numeri, sono passati tre anni e la ricostruzione non c'é. Se ci avessero detto tre anni fa che ci volevano tre anni per la ricostruzione avremmo fatto una mobilitazione nazionale"
"Col Milleproroghe chiederemo procedure più rapide - ha aggiunto Decaro -. Sono richieste che farò già oggi in audizione alla Camera e spero vengano accolte, altrimenti i sindaci hanno detto che scenderanno in piazza". "Il problema non sono tanto le risorse, perché abbiamo speso pochissimo rispetto a quanto ci è stato messe a disposizione e questo fa capire che il problema sono le procedure", ha concluso.


Commenta

Oggi su R+News

campagna covid
Radiosanit
Mincarelli
La sirenetta