Zone rosse, tensione tra Cna Pescara Chieti e il governatore Marsilio

ATTUALITA / REGIONE ABRUZZO Mercoledì 17 Febbraio 2021

Zone rosse, tensione tra Cna Pescara Chieti e il governatore Marsilio

 - Non si comprende il meccanismo di disinformazione messo in atto da parte della Cna di Chieti e di Pescara nell'attribuire al presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio la volontà di "procedere direttamente e senza alcun preventivo assenso del governo, alla creazione della 'zona rossa 'nei due territori ”. 

La decisione di istituire zone rosse nelle provincia di Chieti e di Pescara è giunta, invece, un seguito di chiarezza indicazioni del Governo sulle direttive da seguire nelle aree maggiormente colpite dalle varianti inglesi del virus. L'individuazione delle province più colpite dai contagi di Covid 19 è stata quindi presa a seguito della riunione del Comitato tecnico scientifico regionale che ha evidenziato lo stato di emergenza. Il ministro della Speranza è stato "sentito" preventivamente, come esplicitamente riportato dall'Ordinanza, e ha fornito il pieno assenso e sostegno politico.C'è di più: il presidente Marsilio chiese al Ministro di inserire la zona rossa di Chieti e Pescara all'interno dell'Ordinanza che lo stesso Ministro avrebbe firmato a breve per porre l'Abruzzo in zona arancione, così da evitare un doppio provvedimento , assicurando l '”intesa”.

I rappresentanti locali della Cna farebbero meglio a impiegare i loro sforzi nel sollecitare i loro rappresentanti nazionali di farsi portavoce e interpreti presso il Governo al fine di provvedere in tempo alla garanzia dei ristori in situazioni di emergenza come quelle che si sono verificate a Chieti ea Pescara .

Obiettivo della Regione Abruzzo è quello di tutelare nel miglior modo possibile la salute di ogni cittadino, adottando quelle iniziative utili e necessarie per evitare l'espandersi dei contagi e la nascita di nuovi focolai. Il presidente Marsilio e la Giunta sin dall'inizio della pandemia hanno coinvolto il Consiglio regionale per individuare ogni possibile forma di sostegno agli imprenditori, così come alle famiglie, per garantire un ristoro in attesa di risorse statali.Oltre ai 50 milioni destinati al fondo perduto (una quantità simile a quella impegnata dalla Lombardia), tra le tante provvidenze messe in campo con le Leggi 9 e 10, è di oggi la pubblicazione della graduatoria definitiva di oltre 2300 imprese che potranno accedere a un contributo a fondo perduto fino a 5000 euro e per il 40% dell'importo per l'acquisto di beni durevoli. (fc)

Commenta

Oggi su R+News

Mincarelli
Tarquini
La sirenetta